Archivio mensile:settembre 2013

Elettrodomestici a rischio incendio…

Candy e Bosh hanno comunicato ai consumatori che alcuni elettrodomestici da loro prodotti in passato sarebbero a rischio incendio

attenzione elettrodomestici

Se avete un elettrodomestico Candy o Bosh controllate se appartiene ad una delle serie comunicate dalle due aziende perchè a rischio incendio.

Entrambe le aziende leader nella produzione di elettrodomestici, infatti, hanno da poco comunicato pubblicamente che alcuni elettrodomestici prodotti qualche anno fa potrebbero presentare un componente difettoso, che surriscaldandosi potrebbe essere a rischio incendio.

L’azienda Candy ha comunicato che le lavastoviglie della serie Trio (fabbricate dal 2 maggio 2005 al 30 marzo 2008) farebbero parte di questo gruppo, mentre alcuni piani cottura (fabbricati dal 1° aprile al 30 settembre 2010 con il marchio Candy e Hoover) presenterebbero un rischio di fuga di gas, in particolari condizioni “limite”, che potrebbe comportare anche in questo caso un principio di incendio dell’apparecchio.

L’azienda chiede di controllare se gli apparecchi appartengono a queste serie e in questo caso di rivolgersi all’assistenza per farli controllare ed eventualmente far sostituire il pezzo difettoso senza alcun costo dai tecnici di Candy. Invece, gli acquirenti che avevano lasciato il loro recapito al momento dell’acquisto riceveranno direttamente a casa una lettera informativa al riguardo.

L’azienda Bosch (di cui fanno parte i marchi Siemens, Neff, Constructa e Junker & Ruh) ha invece comunicato che alcune lavastoviglie costruite fra il 1999 e il 2005 presentano un componente elettrico difettoso che “potrebbe surriscaldarsi e solo in casi molto rari causare un potenziale rischio incendo”.

Anche in questo caso è possibile rivolgersi al Numero Verde dell’azienda riportato sul sito per ricevere assistenza. L’azienda offre la riparazione o sostituzione gratuita del pezzo difettoso.

Mi raccomando date un’occhiata ai vostri apparecchi, la prudenza non è mai troppa!

Se potessi avere 45 centesimi al mese… farei un litro di detersivo eco!

Bastano 45 centesimi per realizzare un ottimo detersivo eco e risparmiare soldini, salvaguardando l’ambiente…

Differenza tra uomini e donneOggi è finalmente domenica, giornata votata a totale relax, spaparanzamento sul divano, scorpacciata di film e gelato, running o wii se fuori piove… Ovviamente mi riferivo alla domenica degli uomini :)

Per noi donne è la giornata giusta per: sistemare l’armadio, fare il cambio del guardaroba, cucinare la torta di mele (così perchè la domenica ci sentiamo tutte un pò Cake Designer o sul set di “Cuochi e Fiamme”), sistemare casa, fare un giro al mercatino dell’antiquariato a cercare l’ennesimo ninnolo improbabile da sistemare con il decoupage durante il tragico momento morto del dopo-pranzo, pulire e disinfettare ogni superficie lavabile, fare mille lavatrici, stirare una montagna di vestiti, lavare il cane, sistemare il materiale sul pc (organizzando e caricando le foto su ogni social possibile), portare avanti il lavoro dell’ufficio, fare la presentazione che in settimana non abbiamo avuto il tempo di preparare, andare a correre per 30 minuti, per rimediare agli scrupoli di coscienza per aver mangiato una fetta della torta di mele, prendere un caffè/aperitivo con la migliore amica, litigare con il nostro lui per non averci aiutate e… perchè no fare un detersivo eco con le nostre manine…

Poi ci chiediamo come mai il lunedì siamo sempre stanche e compriamo mille integratori alimentari (magnesio, papaya, ginseng, bacche di acai, di gojii etc…), dando la colpa della mancanza di energia ai malanni di stagione. Il lunedì mattina i colleghi uomini sono lì a prendere il loro caffè tra mille risate e a discutere su quale livello di Candy Crush hanno raggiunto dopo mirabolanti imprese con le caramelle virtuali e noi: Che hai fatto ieri? Mah niente di ché, la solita… Con occhiaie e borse segnate, identiche a quelle del venerdì sera dopo una settimana di lavoro… 😉

Fatta questa piccola premessa, torniamo al fatto che oggi è domenica, e dato che sicuramente non avrete nulla da fare, vi lascio una ricetta per realizzare un ottimo detersivo eco che potrete preparare in casa con solo 45 centesimi, risparmiando un pò di soldini e soprattutto facendo contento l’ambiente, oltretutto è un prodotto efficace e molto profumato…

Ecco gli ingredienti per circa 3 litri di detersivo eco:

  • 5 litri d’acqua;
  • 200 grammi di sapone di Marsiglia;
  • 100 grammi di bicarbonato;
  • 25 gocce di olio essenziale alla lavanda (o di altro olio essenziale a vostro gusto).

Per prepararlo fate bollire l’acqua all’interno di una pentola e versate a poco a poco il sapone vegetale in scaglie, mescolando costantemente fino a completo sciogliemento. Dopodiché lasciate riposare finché il liquido non si sarà raffreddato. A questo punto aggiungete il bicarbonato e mescolate bene. Aggiungete, infine, l’olio essenziale che avete scelto, mescolate nuovamente per far amalgamare il tutto e lasciate raffreddare.

Se nei giorni successivi alla preparazione il composto si dovesse solidificare, non preoccupatevi è normale, basterà raccoglierlo con un cucchiaio al momento dell’utilizzo (tanto non scade).

Quanto ne dovete utilizzare? Per un bucato pulito e profumato ne bastano 2 cucchiai pieni nella vaschetta della lavatrice a pieno carico.

Per realizzarne 1l. bastano 45 centesimi, non male vero?

Asciugatrici ad energia solare e lavastoviglie XXL

Le nuove frontiere del White vedono la nascita di asciugatrici ad energia solare e lavastoviglie XXL

I grandi brand di elettrodomestici continuano a stupirci con i nuovi modelli studiati per sorprendere con sempre nuove ed eccellenti funzionalità e per venire incontro alle nuove necessità dei consumatori:

  • permettere un consistente risparmio di energia elettrica, proteggendo così ambiente e tasche dei consumatori;
  • migliorare le performance;
  • implementare/ottimizzare la tecnologia e l”interattività.

Un fantastico esempio di elettrodomestico di nuova generazione, che permette da un lato di avere ottime prestazioni e dall’altro sposa l’importante tematica della salvaguardia ambientale e della riduzione dei consumi, è la nuova T 881 EcoComfort, l’asciugatrice a energia solare presentata da Miele all’IFA 2013.

asciugatrice Miele

asciugatrice Miele

 

L’innovativa asciugatrice, sviluppata in collaborazione con Solvis, sfrutta l’energia solare per asciugare il bucato, l’elettrodomestico è, infatti, collegato al sistema di riscaldamento centralizzato della casa a sua volta connesso ai pannelli solari/fotovoltaici sul tetto e usa l’80% in meno di energia elettrica rispetto ad una normale asciugatrice. L’azienda dichiara che, con risparmi di questo tipo, l’elettrodomestico si ripaga in soli 7 anni, pochissimo in confronto alla lunghissima vita stimata per i prodotti del brand tedesco.

Nei Paesi del Nord Europa, dove l’asciugatrice è considerata un elettrodomestico fondamentale tanto quanto la lavatrice, risulterebbe prezioso, infatti, potersi avvalere dell’aiuto di un elettrodomestico di questo tipo che consente notevoli risparmi sia in termini economici che di emissioni di CO2.

E la disponibilità di sole nei mesi invernali? A questo proposito Miele ha spiegato che l’acqua nel serbatoio di stoccaggio potrebbe essere riscaldata o attraverso un impianto geotermico o da biomasse.

Classe energetica? Ovviamente A+++(che direi vale anche come voto)

Prezzo? Alcuni hanno vociferato qualcosa in più di 500 euro (ma temo che in realtà si tratterà di qualche soldino in più data l’elevata e sofisticata tecnologia).

Lancio? Resta ancora un mistero. Ma sicuramente dopo il lancio replicheranno l’idea anche per gli altri elettrodomestici, come le care lavatrici più amate in Italia.

asciugatrice Kitchenaid

Altra importante novità arriva, invece, da KitchenAid che ha lanciato XXLence, la lavastoviglie XXL pensata per le famiglie numerose, le extended families o semplicemente per non affaticarsi dopo il cenone di Natale, contiene infatti fino a ben 17 coperti, riflettendoci se fossero stati 13 avrebbe dato un pò l’idea dell’ultima Cena 😉

La lavastoviglie è dotata dell’opzione Time Saver che permette di risparmiare dai 30 agli 80 minuti, riducendo i cicli di lavaggio dei programmi e il sistema Fan-Dry che assicura alla fine di ogni ciclo di lavaggio un’asciugatura perfetta.

La lavatrice del cuore!

“Ma tu non lo sai che quando noi donne diventiamo mamme, in qualsiasi modo lo diventiamo, riceviamo in dono una lavatrice del cuore”?

la lavatrice del cuore

Il prossimo 3 ottobre al Teatro Franco Parenti di Milano (ore 21.00) il Festival delle lettere in collaborazione con l’Associazione Italiaadozioni presenterà “La Lavatrice del cuore – Lettere di genitori e figli adottivi“, spettacolo tratto dalle lettere di genitori e figli adottivi presentate alla nona edizione del Festival delle Lettere.

Maria Amelia Monti, affermata attrice di cinema, teatro e televisione, darà voce alle emozioni, alle esperienze, agli aneddoti e porterà sulla scena la vita quotidiana di una coppia che, pur essendosi presa un impegno coraggioso, ha gli stessi alti e bassi, le stesse incertezze e gli stessi problemi di tutte le altre.

Un tema importante, quindi, quello trattato durante lo spettacolo organizzato dal Festival delle Lettere e di grande utilità sociale, che ha l’intento di portare sul palcoscenico l’esperienza dell’adozione attraverso gli occhi di chi l’ha vissuta realmente.

Un serie di avvenimenti della vita quotidiana, momenti seri alternati a momenti ironici, che insegnano l’importanza dell’immaginazione per trovare le giuste risposte ai problemi di ogni giorno.

Vi consiglio di andare a vederlo!

3 ottobre Ore 21.00
La lavatrice del cuore – Lettere di genitori e figli adottivi
Teatro Franco Parenti Via Pier Lombardo 14, Milano
Con Maria Amelia Monti, a cura di Edoardo Erba

La lavatrice del cuore