Archivio mensile:novembre 2013

Arriva l’anti-microonde che raffredda in 45 secondi…

Se il microonde riscalda e scongela, l’anti-microonde raffredda in 45 secondi e fa risparmiare energia.

Microonde V-Tex

Grazie alla nuova invenzione non si correrà più il rischio di portare il vino caldo in tavola e non sarà più un problema l’essersi ricordati di mettere le bibite in ghiacciaia solo quando gli amici hanno suonato il campanello… Inoltre, a quanti sarà capitato di dimenticare le bottiglie in freezer, con il risultato di una bella “esplosione” terminata con la birra sparsa su tutto il pavimento?… 😉

Per risolvere questi piccoli inconvenienti, dall’Inghilterra arriva l’anti-microonde, un elettrodomestico di ultima generazione che, invece di riscaldare, ha la funzione opposta, cioè quella di raffreddare le bibite.

Da bottiglie di vino a bibite gassate, il nuovo elettrodomestico brevettato è in grado di passare dalla temperatura ambiente ad una temperatura al di sotto dei 4 gradi in pochissimi secondi.

L’avanzata tecnologia, sviluppata con l’aiuto dei finanziamenti UE corrisposti alla V-Tex, punta su un vortice di raffreddamento: il vortice di Rankine, in un fluido vischioso, fa ruotare molto velocemente gli imballaggi, agitando le bevande e facendole diventare fredde in pochissimo tempo, senza però alterarne la carbonatazione e quindi la relativa effervescenza.

Ma l’obiettivo principale di questo apparecchio domestico non è quello di farci impiegare meno tempo a raffreddare le bibite, ma è soprattutto quello di farci risparmiare energia e ridurre i consumi. Con l’anti-microonde si consuma circa l’80% in meno di energia rispetto ai refrigeratori standard, comuni frigoriferi e freezer.

Halloween e la macchia perfetta

Halloween: dolcetto, scherzetto e macchia perfetta!

Cosa si dice ad Halloween? “Dolcetto o scherzetto”… e macchia perfetta! ghost

Halloween e la macchia perfetta

Quanti di voi ieri sera saranno usciti per andare in giro a terrorizzare mascherati da Dracula, Morticia Addams, Frankenstein, streghette, fantasmini, gatti neri etc…??? E quanti bambini saranno andati dietro le porte dei vicini a chiedere: “Dolcetto o scherzetto?”…

La notte di Halloween è una notte davvero particolare, in cui ti senti tornare un pò bambino… Molti si dilettano nella preparazione di biscotti a forma di fantasmi o di dita, preparati con diverse marmellate (rigorosamente rosse), o torte a forma di zucca o succhi di frutta al melograno…ops scusate volevo dire al gusto sangue?… Per non parlare del trucco, ci si sbizzarisce davvero con occhi neri, unghie nere, lenti a contatto rosse, finto sangue che fuoriesce dalle labbra e tanto altro, a seconda della creatività e della fantasia di ciascuno…

Assolutamente una notte divertente e da ricordare per il resto dell’anno….anche per le macchie sui vestiti… :) In tanti in questa mattina di festa si troveranno a fare il bucato per eliminare macchie di rossetto rosso, di trucco, di smalto e di marmellata dai vestiti di grandi e piccini.

Ecco a voi qualche dritta dalla vostra WashApp

toglere le macchie ad Halloween

Macchie di marmellata:

Provate ad agire applicando sulla parte interessata un pò di acqua frizzante, tamponandola leggermente con un panno in cotone. Trattate poi la macchia con acqua tiepida e sapone. Se la macchia persiste, potete intervenire frizionando sulla macchia un pò di succo di limone per poi procedere al normale lavaggio.

Macchie di succo di frutta:

Mettete un panno pulito sotto la macchia, in modo che non si macchi anche il retro di vestito/maglietta/etc.. Tamponate la macchia con 1 bicchiere di acqua fredda, con una soluzione di acqua ossigenata a 12 volumi e con un cucchiaino di ammoniaca. Pretrattate poi la macchia con il sapone di Marsiglia e procedete al normale lavaggio.

Soluzioni alternative: la macchia può essere pretrattata anche con 1 cucchiaino di glicerina da lasciare ad agire per un’oretta sulla parte interessata, in modo da ammorbidire la macchia per poi rimuoverla con il sapone.

Un altro consiglio, invece, è quello di trattare la macchia con limone o aceto bianco da sfregare sul tessuto oppure con latte molto caldo da lasciare agire per circa 2 ore sul tessuto e poi procedere al lavaggio con il sapone.

Macchia di rossetto:

Se la macchia di rossetto è fresca può essere rimossa facilmente con un semplice trattamento a mano con acqua e etere o un pochino di sapone di Marsiglia o detersivo per i piatti ecologico, senza dover ricorrere necessariamente all’utilizzo della lavatrice. Mi raccomando, tamponate la macchia e non la strofinate, altrimenti rischiate di espandere l’alone colorato su tutto il capo.

Se la macchia è ormai secca, è bene procedere al prelavaggio con sapone, shampoo o detersivo per i piatti…

Macchia di smalto:

Se il tessuto non è troppo delicato, potete procedere sistemando un asciugamano sotto la macchia per assorbirla e trattarla con qualche goccia di solvente per smalto a base di acetone (preferibilmente quello più delicato). Strofinate poi la macchia finché non sparisce. In caso dovesse persistere, potete aiutarvi con dell’alcol.

Macchie di trucco, kajal, mascara & Co:

Basta trattare la macchia con acqua tiepida e etere o con un pò di sapone liquido. Procedere con il lavaggio a mano e lasciare asciugare ad aria, appena asciutto il capo, provare a spazzolare la macchia con una spazzola con setole morbidissime.

Macchie di sangueeeeeeeeee:

Tamponare la macchia con una soluzione di acqua fredda (molto fredda) e acqua ossigenata a 12 volumi. Procedere poi al normale lavaggio in lavatrice, seguendo le istruzioni sull’etichetta, in base alla tipologia del tessuto.

Spero di esservi stata utile… Vi lascio con un simpaticissimo video (in stile Halloween), tratto dalla serie “Lavatrici finite male” realizzata da Maccio Capatonda per Calgon:

http://www.youtube.com/watch?v=xTqhuamc6lA

Buon Halloween a tutti… sorcerer