Archivio mensile:luglio 2014

Con le app la casa è sotto controllo anche in vacanza!

app e vacanzeAndrete in vacanza in posti lontani? Avete paura di non poter avere la vostra casa sotto controllo durante le ferie? Tranquilli, oggi grazie alle app è come avere la propria casa a portata di smartphone…

Le vacanze sono ormai vicine e molti di noi finalmente chiuderanno le residenze invernali per recarsi qualche giorno in viaggio in esotici posti estivi o semplicemente nella propria casetta al mare… ma la propria casa sarà sempre sotto controllo grazie alle app.

MyPresa

E’ una speciale presa progettata da Sorgenia, che permette di accendere e spegnere le prese da remoto. Con MyPresa è semplicissimo controllare il consumo di energia elettrica, si possono infatti programmare e controllare le prese, scegliendo di concentrare i consumi nelle fasce orarie consigliate. L’apparecchio può essere controllato attraverso un’app scaricabile da iOS.

Smart Washer

Attraverso l’app smart washer di Samsung è possibile trasformare il proprio smartphone in un vero telecomando, controllando tutti gli elettrodomestici da remoto. E’ possibile metterli in funzione, spegnerli, ricevere notifiche e molto altro.

Roomba

Della serie Roomba ne abbiamo parlato altre volte, i simpatici iRobot Roomba 880 che ti consentono di trovare tutta la casa pulita. Basta memorizzare la mappa di casa, azionarli a distanz
a e comandargli di pulire tutta la casa. Ottimo, vero? La Marry Poppins del nostro secolo… 

Sensore per piante Flower Power di Parrot

Avete, invece, sentito parlare del sensore per piante ideato da Parrot? Permette di conoscere il livello di idratazione del terreno e sapere quando innaffiarle e di cosa hanno bisogno… Per chi non ha il pollice verde…

Per non parlare delle numerossisime app scaricabili da Google Play e iOS che consentono di controllare la casa da remoto e avere una maggiore sicurezza. Sono, infatti, collegabili ai sistemi d’allarme e permettono di avere un monitoraggio costante… a prova di ladri…

Quindi… tranquille vacanze a tutti 😉

Poco tempo per lavare? Nasce Swash…

La tecnologia oggi permette grandi passi in avanti e se si parla di una grande azienda, le invenzioni possono essere davvero geniali. E’ arrivata Swash in casa Whirlpool.

Swash di whirlpoolSwash è la prima lavatrice in grado di trattare e disinfettare un capo di abbigliamento in soli 10 minuti senza l’impiego di prodotti chimici. La nuova lavatrice permette di pulire a secco e igienizzare i capi in pochi minuti e a soli 500 dollari, pari a 370 euro.

Con Swash è possibile avere vestiti puliti e stirati in pochissimo tempo, è adatta ad ogni emergenza. Sicuramente questo innovativo prodotto, sarà preso di mira da tutte le lavanderie self service, per garantire qualità in tempi brevissimi ai propri clienti.

Dove si può acquistare questa meraviglia? Per ora solo negli Stati Uniti.

Leggi anche: http://washapp.it/whirlpool-investe-in-africa-e-medio-oriente/

Occhio alla modalità stand by…

Lasciare gli elettrodomestici in modalità stand by causa enormi danni economici e ambientali, lo rivela la IEA (International Energy Agency).

sorgenia_stand_by_on

Foto: Sorgenia

Sapreste indicare quanti dispositivi elettrici sono oggi collegati ad Internet? Circa 14.000 milioni, non male vero? E sapete cosa accade quando li lasciamo tutto il giorno in “stand by“, pensando ingenuamente che non consumino molta energia? Al contrario, consumiamo enormi quantità di energia e denaro, per non parlare dell’impatto ambientale causato.

Un recente rapporto della IEA, International Energy Agency, ha rivelato che nel 2013 è stata spesa una somme di oltre 58.000 milioni di euro, solo lasciando televisori ed elettrodomestici in modalità “stand by“.

Sempre secondo i documenti rilasciati dalla IEA, nel 2020 lo spreco arriverà a superare gli 87.000 milioni di euro. Questi dati sono davvero allarmanti, ma ancora di più lo sono i dati relativi alla quantità di energia consumata all’anno di circa 616 Terawattora, di cui ben l’80% è stato consumato da elettrodomestici e apparecchi lasciati in modalità stand by.

Questo andamento provocherà nel vicino 2025 il consumo di 1.140 TWh, che equivalgono al consumo di energia della Russia.

E tutto questo per non sprecare un minuto del nostro tempo per spegnere del tutto elettrodomestici, Pc e Tv? Chiediamoci se ne vale la pena, sia per le nostre tasche che per il nostro Pianeta. Spesso delle piccole e sane abitudini possono davvero far tanto.

Inoltre, alcuni studi recenti hanno dimostrato che lasciare gli apparecchi in modalità “stand by” anche la notte, disturberebbe il sonno. I segnali luminosi durante la notte renderebbero il sonno inquieto, per non parlare delle onde trasmesse.

Tutti buoni motivi per ricordarci di spegnere sempre tutto…

L’etichetta energetica è sempre sincera?

etichetta energetica furbettaOggi gli elettrodomestici devono necessariamente rispondere ai criteri di sostenibilità e dichiarare il vero sull’etichetta energetica, ma non sempre è così…

Le lavatrici moderne dovrebbero rispettare l’ambiente il più possibile, rispondere ai requisiti di ecodesign, essere progettate in modo tale da ridurre l’impatto ambientale, aumentare il loro ciclo di vita ed essere eco-compatibili.

Oggi la competizione tra i vari brand non si gioca tanto sulle caratteristiche tecniche, ma soprattutto sulle caratteristiche di eco-sostenibilità, sull’etichetta energetica e sulla correttezza delle informazioni dichiarate.

Legambiente ha pubbliato un’analisi “Etichetta furbetta” da cui è emerso che su circa 2522 prodotti il 30% dei prodotti presi in esame non è etichettato correttamente o dichiara il falso.

Cantinette, condizionatori e televisori sono i prodotti che risultano avere un etichettamento inferiore rispetto agli altri. L’indagine realizzata da Legambiente, in collaborazione con il  “Movimento Difesa del Cittadino“, si inserisce nel progetto pilota Marketwatch che unisce sedici realtà della società civile che vanno ad affiancare le istituzioni nel settore del controllo di mercato a livello europeo nel campo delle etichette energetiche. L’obiettivo è quello di monitorare la corretta applicazione della direttiva sull’etichetta energetica nei negozi online e fisici sia le dichiarazioni dei produttori e la veridicità delle etichette dei prodotti.

“Dalla ricerca – ha dichiarato Davide Sabbadin, responsabile in Italia del progetto MarketWatchemerge un quadro non completamente soddisfacente dell’applicazione della normativa europea, in particolar modo nel mondo del trading online.”

Le direttive Ecodesign ed Etichetta Energetica sono, nel loro congiunto, una delle più grandi operazioni ambientali della storia europea e mondiale. – ha aggiunto Edoardo Zanchini, Vicepresidente nazionale di LegambienteLa loro applicazione potrebbe far risparmiare quasi 400 euro a famiglia, a ciò si aggiunge il vantaggio ambientale  dato che il taglio annuale alle emissioni climalteranti sarebbe pari a 500 milioni di tonnellate di CO2: si tratta dell’1,5% delle emissioni mondiali, pari a quelle del parco auto circolante in Europa. Purtroppo, però, queste direttive non sempre vengono applicate e i consumatori spesso non sono in condizione di scegliere correttamente i prodotti in vendita: alcuni prodotti sono meno efficienti di quanto dichiarato sull’etichetta, altri sono privi delle indicazioni energetiche che dovrebbero essere fornite al consumatore.”

La seguente tabella indica la percentuale di prodotti in vario modo non conformi, differenziata per categoria e per canale di vendita:

TV Frigo/freezer Condizionatori Forni elettrici Cantinette
Negozi 42% 10% 53% 29% 28%
Online 76% 85% 99% 91% 95%

Secondo i dati forniti dall’Enea Le aziende sembrano dunque piuttosto attente agli aspetti relativi ai consumi energetici e ai parametri di funzionamento delle lavatrici, restano però da risolvere alcuni problemi relativi alle informazioni da fornire ai consumatori, sia in Italia che in Europa. Questioni che secondo l’ente di ricerca saranno presto facilmente risolvibili.

Fonte: http://www.legambiente.it/contenuti/comunicati/etichetta-furbetta-progetto-marketwatch

I nostri dati sono in pericolo con le Smart Home?

Smart Home + sicurezzaFortinet, azienda leader nella fornitura di soluzioni per la sicurezza di rete, ha pubblicato i risultati del sondaggio Internet of Things: Connected Home, effettuato in 11 paesi.

Dal sondaggio è emerso che la maggior parte delle persone contattate ha molti dubbi sulla sicurezza della privacy, in relazione all’utilizzo di tutti i prodotti che sono stati realizzati per le smart home. Oggi le abitazioni sono dotate di elettrodomestici connessi ad internet, capaci di interagire e di essere attivati anche da remoto attraverso un semplice smartphone/tablet. E’ possibile azionare o spegnere o programmare frigorifero, lavatrice, sistema di riscaldamento, lavastoviglie, tapparelle, sistema di allarme, etc. Questo comporta che gli elettrodomestici riescano ad immagazzinare i nostri dati personali, come (frequenza nel fare la spesa, alimenti più consumati, orari di lavoro), ed essendo pur sempre degli apparecchi domestici, la paura è che i dati possano essere utilizzati dalle aziende a scopi commerciali o da estranei per conoscere le nostre abitudini.

Molti utenti temono, quindi, che le smart home possano causare la perdita dei dati, o provocare malware e consentire accessi non autorizzati, mettendo in pericolo la nostra privacy.

Il giro d’affari dell’Internet of Things (IoT) presto raggiungerà i 7,1 trilioni di dollari entro il 2020. Il 53% degli italiani ritiene molto probabile che l’abitazione connessa diventi una realtà nei prossimi cinque anni. Il 55% degli italiani interpellati ha dichiarato di essere estremamente preoccupato per un’eventuale violazione e divulgazione dei dati personali. Il 42% degli italiani ritiene che la privacy sia molto importante, mentre il 62% non vuole che i propri dati siano raccolti segretamente dall’elettrodomestico e condivisi con terzi. Il 74% degli italiani vorrebbe che controllare direttamente i dati personali oppure scegliere i soggetti ai quali concedere l’autorizzazione all’accesso.

Secondo il 55% degli italiani, i produttori dei dispositivi sono i principali responsabili ai fini della sicurezza. Nel caso in cui venga scoperta una vulnerabilità in un dispositivo, il produttore deve rilasciare gli aggiornamenti.

L’Internet of Things promette molti vantaggi per gli utenti finali, – ha dichiarato John Maddison, Vicepresidente Marketing di Fortinet – ma presenta anche serie sfide in ambito di sicurezza e privacy dei dati. Per superare questi ostacoli sarà necessario implementare in modo intelligente diverse tecnologie di sicurezza, incluse autenticazione delle connessioni remote, reti private virtuali tra gli utenti finali e le loro abitazioni, protezione da malware e botnet, e sicurezza delle applicazioni, on premises, nel cloud e come soluzione integrata da parte dei produttori di dispositivi.”

Fai ingelosire il tuo uomo con Enjoy the Wash!

calgon bosch fcbEnjoy the wash è la nuova iniziativa lanciata da Bosh e Calgon per invogliare i maschietti a fare la lavatrice….

Un sito web, un video su Youtube e un concorso, studiati per invogliare il popolo maschile ad avvicinarsi al mostro mangia-vestiti, senza nè timore nè remore.
Enjoy the Wash è il nuovo progetto di Reckitt Benckiser e Bosch Elettrodomestici, si tratta della prima Brand Music Experience, realizzata da FCB Milan in co-marketing con Calgon (Reckitt Benckiser) e la linee di lavatrici Eco Silence (Bosch).

Grazie alla nuova iniziativa Enjoy the wash e al sito Enjoythewash.it, ogni donna avrà l’opportunità di rivendicare tutto il diritto a vedere il proprio uomo occuparsi delle faccende domestiche. Ma come invogliare anche i più restii? Basta farli ingelosire… Davanti al video della propria donna in compagnia di un affascinante ballerino, nessun uomo potrà resistere e cadrà nella trama.

Un modo per far capire al mondo maschile come con le lavatrici Eco Silence di Bosh e Calgon, anche questo faticoso momento diventa in realtà semplice e divertente. Basta sapere prendere sempre tutto con la giusta dose di allegria, accompagnata da buona musica.

COME PARTECIPARE?

Sul sito le utenti possono personalizzare con la propria foto e il proprio nome il video musicale creato per il progetto e inviarlo al proprio uomo per farlo ingelosire grazie allo charme dello splendido ballerino protagonista.

Date un’occhiata al video… Non vi viene voglia di ballare con lui? Il vostro uomo diventerà gelosissimo.

Io ci ho provato e voi cosa aspettate? Washing is sexy!

http://enjoythewash.it/video.aspx?id=d2d61276-dfa0-4b0f-a5d4-e7984b7a7a9b