Archivio dell'autore: Chiara Rainaldi

Informazioni su Chiara Rainaldi

Appassionata di scrittura e comunicazione web, Eco addicted e studiosa di politiche urbane sostenibili. Attualmente è Content Editor e Social Specialist di copiaincolla.net.

Bonus e detrazioni per mobili ed elettrodomestici

Bonus e detrazioni per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici per la prima casa sono presenti in diversi paesi europei come Spagna, Francia e Portogallo.

Detrazioni Irpef, Iva agevolata per l’acquisto di mobili per la prima casa, questo è l’auspicio del Presidente FederlegnoArredo, Roberto Snaidero.

Bonus ed incentivi

Bonus ed incentivi per l’acquisto della prima casa e per i mobili nuovi

Oggi in Italia abbiamo a disposizione due agevolazioni per l’acquisto della prima casa, come l’imposta sul valore aggiunto e la cosiddetta agevolazione Prima Casa, che consiste in una riduzione del 4% per l’acquisto dell’immobile.

Cosa dire invece delle agevolazioni per l’acquisto degli elettrodomestici e dei mobili??

Purtroppo, l’acquisto agevolato dei mobili e degli elettrodomestici è legato al fatto che questi siano destinati ad una casa in fase di ristrutturazione.

L’Agenzia dell’Entrate precisa che è necessario che la data dell’inizio dei lavori preceda quella in cui si acquistano i beni.

Il Governo ha esteso le detrazioni fiscali anche ai mobili e agli elettrodomestici, dopo aver recepito la direttiva europea 2010/31/UE. Le detrazioni Irpef per le spese sostenute nel periodo tra il 6 giugno 2013 e il dicembre del 2014 per l’acquisto di: letti, cassettiere, librerie, apparecchi per l’illuminazione, divani e poltroni.

Buone notizie quindi anche per gli elettrodomestici come lavatrici, microonde, frigoriferi, congelatori e stufe elettriche e forni. L’importo per la detrazione non deve superare i 10.000 euro.

Swirl la lavatrice ecologica

Swirl è la lavatrice ecologica che permette di lavare il bucato senza l’uso di elettricità…

Cosa fareste se invece di fare noiosissime pulizie, vi dedichereste a giocare a palla con il vostro bambino? Lavare i panni mentre si gioca a pallone o mentre si cammina nel parco è possibile e qui non si sta parlando di lasciar fare tutto alle nostra smart lavatrici, ma di portare il bucato con noi..

Sembra assurdo? Epppure è stato inventato dalla Designaffairs Studio, ecco a voi Swirl.

Swirl

La lavatrice-pallone che fa fare moto al nostro bucato

Swirl significa “turbine” ed è una grande lavatrice-pallone che una volta “caricata” con panni, sapone ed acqua, rotolando lava il bucato. I suoi rilievi interni favoriscono il lavaggio dei panni ed è possibile usarla giocandoci a pallone oppure trasportandolo con un manico che trasforma la lavatrice-pallone in un carrellino.

Swirl infatti è stato pensato anche per le

Swirl

La lavatrice-pallone che fa fare moto al nostro bucato

donne africane, le quali sono costrette a percorrere chilometri per andare a prendere l’acqua, ma c’è molto di più. Swirl, afferma la Desginaffairs Studio, mira a rafforzare i rapporti umani e sociali tra le madri ed i bambini, permettendo ai piccoli di collaborare alle faccende domestiche giocando e divertendosi.

La Storia di “Luisa non sta a casa”, ovvero: come la lavatrice emancipa la donna

Luisa non sta in casa ed è una vecchia signora di 85 anni…

Un giorno, mentre si accinge a fare il solito bucato, la sua lavatrice viene meno, si rompe e non funziona più. Questa vecchia signora, non potendosi pagare l’assistenza, decide che per la prima volta in vita sua farà il bucato in una lavanderia automatica a gettoni.

Luisa non sta in casa

Luisa non sta in casa

Per tutta la sua vita, Luisa non ha fatto altro che lavorare in casa e per servire il marito, dedicando tutta la sua vita quindi a curare lo spazio domestico. La lavanderia automatica diventa quindi uno spazio nuovo, vergine, capace di cattura Luisa fuori dalla sua routine quotidiana, facendole vivere una nuova esperienza sociale e vitale.

Il cortometraggio “Luisa non està en casa” (“Luisa non sta in casa”) ha vinto il Premio per il Miglior Corotmetraggio Nazionale ottenuto al Festival di FIJR 2013 e “nasce dal desiderio di dare voce a tante donne invisibili e didite all’abnegazione assoluta”, come afferma la regista Celia Rico in un’intervista.

Ed ancora Celia Rico afferma :”L’unico modo in cui mi sento veramente attivista è quello di cercare di rendere visibile ciò che il meccanismo del quotidiano rende invisibile e di mostrare quello che abbiamo visto mille volte come se fosse la prima volta. Una donna carica la lavatrice. Mia nonna. Tua nonna. Mia madre. La tua. Io, tu stessa“. La lavatrice diventa in “Luisa non sta a casa” un ingranaggio della vita quotidiana che si blocca e costringe la nostra eroina ottantenne e a condividere e a risolvere il suo problema fuori dalle mura domestiche, in quanto la lavanderia diviene il luogo di socializzazione della propria condizione personale.

Il dialogo, la voglia di comprendere gli altri, capire che tutto può cambiare a partire dalla nostra semplice esistenza, questo può partire anche da una semplice lavatrice. Non è mai troppo tardi per cambiare se stessi o gli aspetti della propria vita che non ci piacciono o che ci fanno soffrire, e Celia ce lo insegna con il suo cortometraggio, Luisa infatti sceglie cambiare vita a 85 anni…

connettività: l’App Candy Simply Fi e la nuova lavatrice Candy

Connettività e Cayenne, una nuova strategia scelta dal gruppo monzese Candy per lanciare le nuove Lavatrici GrandÓ Vita e GrandÓ Simply|Fi…

connettività Candy

connettività ed esperienza: Candy lancia la sua nuova campagna pubblicitaria con Cayenne

Insomma Candy si sta allineando alla strategia Samsung, scegliendo la connettività Wi Fi della piattaforma tecnologica  Simply|Fi. La piattaforma e le nuove lavatrici sono infatti in grado di dialogare a distanza con gli utenti grazie ad un’app scaricabile su tutti i i tipi di device.

 GrandÓ Simply|Fi sfrutta la connettività wi-fi per offrire un’interazione costante con l’utente, inoltre una novità importante è che, grazie a questa nuova tecnologia, l’utente può controllare i consumi di elettricità, ottimizzando in tal modo le sue spese.

La connettività racchiusa nel pay off “Connect to your life” rende bene l’idea che tutti gli elettrodomestici (lavatrice, forno, frigo, cappa, lavastoglie, piano di cottura) possono dialgoare con l’utente, il quale può personalizzare l’interfaccia dell’App Candy Simply Fi, attivando così le funzioni preferiti, abitudini e preferenze in base alle proprie esigenze.

Connettività di  Candy Simply Fi

La connettività del sistema Candy Simply Fi ti permette di dialogare con tutti gli elettrodomestici di casa

Un’altra novità è il tumbling per la lavatrice, che permette di mantenere il bucato fresco anche se non si è in casa e il ciclo di lavaggio è già terminato; la personalizzazione della modalità di cottura del forno in base alle proprie esigenze e ricette preferite; Invece per il frigo, la stessa App avvisa l’utente se la porta del frigo è rimasta aperta o in caso di interruzione di corrente oppure è in grado di fornirti informazioni sulla data di scadenza dei prodotti nel congelatore.

Ad inizio  Giugno verrà lanciato questo nuovo prodotto,   Cayenne declinerà la sua campagna di comunicazione sia sui canali tradizionali, che sui nuovi media.  Spot televisivi, stampa e radio saranno i cavalli di battaglia di Cayenne, che ha scelto di far partire la sua campagna pubblicitaria dall’8 al 13 Aprile dal Salone di Milano  durante la Fiera di Eurocucina 2014. 

 

La Lavatrice Tripla, un concept che diventa realtà

La lavatrice con tre scompartimenti separati… che idea geniale!

La lavatrice a tre piani

La lavatrice a tre piani

Quante volte avete ignorato quell’unico pezzo di biancheria colorata in un mare di panni bianchi… e dopo il lavaggio avete scoperto tristemente di aver tinto il bucato di un rosa o di un celestino stinto ?

Ci vorrebbe quindi una lavatrice a tre scomparti. Ogni scomparto un bucato diverso e la possibilità di lavare tutto nello stesso momento… sembra un sogno?

Il concept esiste e la sua realizzazione trovasse spazio nella realtà, ci troveremmo certamente ad affrontare un problema in meno nella nostra quotidianità casalinga.

Tre scompartimenti separati per tre colori diversi senza più dover assistere a colori arcobaleno per il nostro bucato. Questo da un altro lato comporta non dover più aspettare di avere dieci capi neri sporchi, ma  è possibile lavare il vostro golfino nero preferito mentre la lavatrice a tre scompartimenti lava la biancheria bianca.

Un sogno o un progetto che verrà presto realizzando passando dalla carta alla realtà?

Questo per ora nessuno lo sa … :)

la lavanderia è OK? La casa anche!

La lavanderia non è uno spazio esclusivo di chi ha una casa enorme…

Possiamo organizzare un’efficiente lavanderia anche in spazi minimi, ma ciò richiede un certo livello di organizzazione dello spazio e di avere ben chiare le necessità che ci spinge ad organizzare quello spazio.

Lavanderia
Lavanderia uno spazio unico per fare i servizi

Avere uno spazio in cui si uniscono dei buoni elettrodomestici, mensole organizzate e anche piccoli armadi dedicati alla pulizia della casa può avere solo una serie di aspetti positivi e rendere più facile e forse anche più piacevole dedicarsi alla cura della casa.

Innanzitutto per avere una lavanderia efficiente sono necessari degli elettrodomestici energetici che ti fanno risparmiare soldi, energia, ma sopratutto tempo.

Intorno alla nostra lavatrice gravitano degli spazi extra che vanno organizzati. Ad esempio al di sopra del nostro elettrodomestico, una serie di mensole o un armadietto possono rendere più fruibile a nostra lavanderia. Se lo spazio è poco ed abbiamo la necessità di avere più elettrodomestici, possiamo muoverci in verticale e mettere ad esempio l’asciugatrice sulla nostra lavatrice. Attenzione però, esistono dei kit appositi che facilitano il montaggio degli elettrodomestici, altrimenti la forza delle centrifuga potrebbe destabilizzare il vostro totem di elettrodomestici :)

Nella nostra lavanderia, avere al fianco della lavatrice un bel lavandino capiente, con l’incastro ad hoc per la tavola di legno ziglinata, per strofinare il nostro bucato è un elemento essenziale e necessario per semplificarvi di molto il prelavaggio.Ricordiamo che il prelavaggio innanzitutto fa risparmiare tempo ed evita l’uso di eccessivo detersivo ed alte temperature, facendo risparmiare anche sulla bolletta. Inoltre il prelavaggio se effettuato con prodotti “eco” (come vi abbiamo suggerito nella sezione rimedi naturali) può solo fare bene all’ambiente.

Non dimentichiamoci che la nostra lavanderia diventa superorganizzata se riusciamo a trovare dello spazio per gli stendini per stendere il bucato in casa. Tra le soluzioni più interessanti c’è l’ultilizzo di stendini che si fissano al muro e sono richiudibili, oppure stendini che quando serve possono essere calati sul lavandino, magari per stendere un capo di seta o di lana lavato a mano.

Se abbiamo lo spazio, nei nostri armadietti troveranno posto i detersivi, posti in alto e fuori dalla portata dei piccoli, e asciugamani, ed altri prodotti per la casa che compriamo magari come scorta al supermercato.

Non dimentichiamo inoltre di aggiungere un tocco di colore in più, magari un bel colore pastello o un colore più vivo e brillante favorisce la voglia di vivere la lavanderia.