Come smacchiare le macchie….di primavera!

Anche la primavera ha le sue macchie ostinate…. Scopriamo come eliminarle

Il 21 marzo arriverà finalmente la tanto attesa primavera, portando via con sè il grigiore dell’inverno, le piogge, le giornate corte… E anche se per qualche mese non saremo più costretti a lavare coperte, piumoni, piumini, maglioni, lana, etc., in compenso ci troveremo a combattere con le classiche “macchie di primavera“…

macchie di pollineMACCHIE DI POLLINE

I fiori sono molto belli, ma le macchie di polline un pò meno… Il polline è molto difficile da smacchiare perchè con l’acqua la macchia rischia di espandersi e penetrare nei tessuti rovinandoli, per questo è sempre preferibile aspettare che il polline si secchi ed eliminarlo con una spazzola a setole morbide. In alternativa è possibile usare un rotolo di nastro da pacchi sull’indumento e provare a tirar via la macchia di polline utilizzando un pezzo di nastro (una bella ceretta alla vostra camicetta ;P). Dopo aver eliminato la polvere del polline, gli indumenti possono essersi lavati immergendoli in acqua fredda con qualche goccia di sapone o solo se è bianco con qualche goccia di acqua ossigenata per pochi minuti.

macchie di erbaMACCHIE DI ERBA

Ci sono diversi modi per eliminare le macchie di erba dai tessuti, ma il metodo più diffuso è l’alcol oppure è possibile preparare una soluzione preparata con acqua calda, un cucchiaio di ammoniaca e un cucchiaio di sapone di Marsiglia. Eventualmente è possibile tentare di trattare la macchia con latte freddo.

Se la macchia è vecchia, invece, sarebbe meglio tamponarla con glicerina e poi con alcol o con succo di limone e acqua tiepida.

Nel caso in cui si tratti di capi in lana, è possibile provare con una soluzione composta da tre parti di acqua tiepida, due parti di alcool e una ammoniaca. Risciacquare con aceto di vino bianco.

Che passione la frutta di stagione… Ma le macchie di alcuni tipi di frutta possono essere davvero ostinate…

macchie di ciliegiaMACCHIE DI CILIEGIA

Le macchie di ciliegia possono essere trattate con un tessuto imbevuto di latte freddo. Gli indumenti dovrebbero essere poi risciacquati con acqua tiepida e gocce di sapone di Marsiglia.
Le macchie di ciliegia possono essere trattate anche con succo di un limone. O con la candeggina  sui capi colorati, mentre con sale smacchiante su capi bianchi.

macchie di fruttaMACCHIE DI PESCA

Un rimedio per le macchie di pesca e di frutta in generale è sicuramente quello di trattarle con acqua calda unita ad un cucchiaio di ammoniaca e ad uno di aceto bianco.  Dopodichè è bene comunque lavare i capi in lavatrice con sapone per capi delicati.

E’ possibile anche provare con del succo di limone da lasciare agire sulla macchia per circa 15 minuti per poi lavare la macchia con sapone di Marsiglia.

I capi in cotone bianchi possono essere anche pretrattati con qualche goccia di candeggina, prima di passare al lavaggio normale per capi delicati.

Ecco qui una bella citazione di Philippe Delerm sulla nostra amata primvera: “21 marzo: la primavera, l’equinozio. Aspettiamo l’allungarsi dei giorni, ne spiamo ogni segno. L’anno si mette a correre veloce, tutto prende ritmo. Ci precipitiamo verso l’estate. Già dopo il 21 giugno le giornate cominciano ad accorciarsi. Sorridiamo beffardi, perchè ovviamente i migliori mesi estivi devono ancora venire, le passeggiate oziose nelle strade calde, le cene ai tavolini all’aperto, a lume di candela nei giardini” (Philippe Delerm, Il piccolo libro degli istanti perfetti).

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *