cyber_monday_2015

Cyber Monday: ecco le strategie di marketing degli e-commerce

In occasione del Cyber Monday e dell’arrivo delle festività natalizie, ecco quali sono le strategie di marketing per aumentare le vendite degli E-commerce

Oggi è la giornata mondiale del Cyber Monday, ovvero il lunedì cibernetico, che si festeggia dopo il “venerdì nero” ed è la giornata dedicata agli sconti sugli shop online, pensata per tutti coloro che non sono riusciti ad effettuare grandi acquisti o ad usufruire delle promozioni proposte dai brand in occasione del Black Friday. Il Cyber Monday è nato negli Stati Uniti nel 2005 per tutti coloro che odiano lo shopping e la fila alle casse, infatti, gli utenti in questa giornata hanno la possibilità di acquistare i migliori prodotti in vendita nei negozi virtuali, soprattutto acquisti di prodotti di tecnologia.

Questa festa e l’arrivo anche delle festività Natalizie, sono un’ottima occasione per rilanciare il proprio multi-shop, mettendo in atto una efficace strategia di marketing, aumentare le vendite, migliorare la visite al sito, fidelizzare il proprio target, attrarre nuovi clienti, migliorare la brand awareness.

Stefano Sordi, Direttore Marketing di Aruba, ha scritto un utilissimo decalogo su come prepararsi alle vacanze di Natale, sfruttando al massimo le potenzialità di vendita di questo periodo. Da un punto di vista commerciale il Natale è “il periodo dell’anno con più vendite online” soprattutto per chi si occupa di prodotti consumer e – essendo anche seguito da un periodo di saldi (basti pensare alle note giornate del Black Friday e Cibyer Monday) – diventa il momento più interessante per chi fa B2C. Quindi, una buona strategia per prepararsi alla campagna di Natale è fondamentale per poter sfruttare al massimo le potenzialità offerte dal periodo. Pianificare, però, ogni operazione in modo adeguato, è meno semplice di quanto si possa pensare.

Per qualsiasi tipo di promozione da condurre, bisogna avere chiaro l’obiettivo della propria campagna: puntare alla crescita delle vendite è ovvio, ma la campagna deve avere anche obiettivi di medio termine. In altre parole, invece di puntare solo all’acquisto diretto ed immediato, che è più difficile da ottenere, si può mirare a coinvolgere l’utente in modo graduale. Si può iniziare a stabilire con lui un primo contatto mentre naviga il sito: si può invitarlo oltre che all’acquisto anche alla semplice registrazione, meglio se in modo semplice e veloce, per esempio, richiedendo solo l’e-mail e/o il numero di telefono. E’ in questi casi che con semplici tecniche di targeteting si potrà associare al suo browser un cookie, grazie al quale poi è possibile pianificare campagne di remarketing che permetteranno all’utente di “ricordarsi di noi”, anche nel momento in cui naviga su altri siti. In seguito, tramite i dati di registrazione, si potranno pianificare attività di recall via SMS o campagne di e-mail marketing che facciano leva sui saldi, offerte mirate per tipo di prodotto o promozioni flash – possibilmente coerenti con il momento dell’anno.

Una volta fatto questo, bisognerà valutare il tempo da investire e tenere traccia delle operazioni imprescindibili da condurre:

  1. Preparare il catalogo di prodotti: prima di ogni campagna è sempre importante individuare il best seller, il prodotto più scelto e venduto, così da guidare gli utenti più pigri o indecisi nella loro scelta. E’ quindi necessario adeguare lo stock dei prodotti all’obiettivo che si è fissato e al periodo di riferimento.
  2. Disporre categorie dedicate di prodotti: raggruppare i prodotti in categorie migliora sempre l’esperienza dell’acquirente e rende il proprio e-commerce più facilmente navigabile. Agevolare l’utente nella propria scelta lo avvicina sempre più al momento dell’acquisto.
  3. Pensare agli elementi estetici della campagna sconto: è importante pianificare nuove immagini ad hoc o creare dei banner mirati sulla campagna a cui si sta puntando ed è fondamentale che ci sia una certa coerenza tra le immagini pubblicitarie e le immagini  che il cliente vede quando arriva sul sito. Questo, infatti, genera un senso di familiarità e sicurezza che lo rende tranquillo, e ciò incide moltissimo sul “tasso di rimbalzo”, ossia di abbandono del sito.
  4. Fare una ricerca di parole chiave per il SEO e, di conseguenza, aggiornare i contenuti a seconda dei risultati ottenuti.  E’ necessario avere un buon posizionamento sui motori di ricerca e ciò si può ottenere sia grazie alle ottimizzazioni SEO che grazie alla gestione di campagne Google AdWords. Anche in questo caso, l’annuncio AdWords deve essere sempre coerente con ciò che il cliente trova sul sito: la promessa dell’annuncio non deve essere disattesa dal sito se si intende avere un costo di acquisizione congruo.
  5. Aggiungere nuovi elementi di design a tema natalizio, come ad esempio un’immagine di copertina legata al periodo o i banner sulla vetrina dinamica con accesso diretto alle nuove categorie. Si può anche giocare con il proprio logo (è possibile adeguarlo al tema aggiungendo, ad esempio, un piccolo elemento natalizio).
  6. Creare una campagna mailing per i clienti con consigli, novità o una guida ai regali di Natale. La multicanalità è sempre essenziale e bisogna raggiungere il proprio acquirente attraverso quanti più canali possibili.
  7. Per lo stesso motivo è importante pubblicare articoli sul proprio blog per promuovere i prodotti, le novità di Natale e creare delle guide ad hoc con consigli su “cosa regalare”.
  8. Multicanalità significa anche essere presenti sui canali social: è essenziale promuovere il proprio e-commerce sui social network, con dei post a tema su facebook, dei cinguettii mirati su twitter, delle foto studiate per la nuova campagna su Instagram o dei video promo per Youtube.
  9. Gestire gli acquisti in modo adeguato: anche l’e-commerce più curato non farà molta strada senza un adeguato canale di vendita e post-vendita. Bisogna quindi essere pronti a preparare per tempo la merce con appositi pacchi regalo e, soprattutto, spedire in tempo per Natale ogni prodotto.
  10. Per concludere, non bisogna mai scordare di fidelizzare il proprio cliente: sarà quindi importante inviare una mail di ringrazimento per avere acquistato presso il proprio e-commerce, richiedendo di compilare un questionario di soddisfazione che ponga domande semplicissime per capire cosa sia piaciuto maggiormente del proprio negozio, cosa meno,  chiedere se consiglierebbe il portale ad una amico, proporre di seguire lo store sui social usando gli appositi tasti o, addirittura, proporre di condividere su Facebook, ad esempio,  il nuovo prodotto acquistato, anche se nel corso del periodo natalziio si rischierebbe di svelare il regalo che si è comprato per qualcuno!

Il decalogo di Aruba realizzato da Stefano Sordi di  funge da semplice modello e può essere adattato alle esigenze del proprio negozio online. Ogni lista di “must do” potrà essere modificata a seconda delle proprie risorse e dei costi che si è disposti a sostenere. Nel caso di piccole aziende in cui non è possibile contare sul supporto di una figura di riferimento, è possibile valutare una campagna meno dispendiosa oppure affidare a terzi quelle attività più specifiche, quali i servizi di design del sito o le spedizioni. In generale, a livello di risorse economiche, un buon rapporto tra costi e vendite stimate si aggira intorno al 3-7%. In questo calcolo bisognerà tenere conto di tutte le spese previste nel proprio piano iniziale: dagli sconti sui prodotti alle spedizioni gratuite e agli altri incentivi per l’acquisto;  dalle spese di design a quelle di pubblicità e promozione.

Fonte: ARUBA

QUALI E-COMMERCE HANNO MESSO IN ATTO OTTIME STRATEGIE DI VENDITA IN OCCASIONE DEL CYBER MONDAY?

AmazonMeda WorldEuronicsePriceeBayUnieuro, Gli StockistiTronyOneplus e molti altri conosciuti e-commerce si sono preparati con largo anticipo al Cyber Monday, pianificando piccole azioni mirate di marketing strategico per aumentare le vendite in occasione di questa ormai nota festività.

I grandi brand hanno:

  • inviato newsletter, inviti e DEM mirate nei giorni precedenti, puntando su un visual accattivante;
  • pianificato una strategia di media planning;
  • inviato comunicati stampa annunciando gli sconti con largo anticipo;
  • coinvolto gli utenti con offerte last-minute;
  • creato hashtag dedicati da utilizzare come codici sconto #BlackFriday, #BlackFriday2015, #CibyerMonday, #CyberMonday2015;
  • previsto spedizioni gratuite in tutto il mondo (solo per i gg. 27 e 30 novembre);
  • creato count-downd sui propri siti, landing page e molto altro;
  • realizzato contest ad hoc.

E c’è stato anche chi ha precorso i tempi, come il Consorzio Netcomm che, con i suoi associati, ha lanciato tra l’08 e il 09 novembre la notte bianca dell’E-commerce, con la partecipazione di oltre 140 merchant che hanno registrato + 12,8% di traffico in termini relativi e una redemption del 67,2%.

ULTIMI DATI E-COMMERCE IN ITALIA 

L’E-commerce in Italia ha registrato un +16% e vale 16,6 miliardi di euro. I settori che più contribuiscono alla crescita sono Turismo (+14%), Informatica ed elettronica di consumo (+21%), Abbigliamento (+19%) ed Editoria (+31%). Rilevante anche l’apporto dei settori emergenti: Food&Grocery, Arredamento e Home living, Beauty (cosmetica e profumeria) e Giocattoli superano insieme quota 1 miliardo di euro. Gli acquisti via Smartphone crescono del 64% e valgono il 10% dell’E-commerce nel 2015, il 21% se aggiungiamo quelli via Tablet. Nell’esperienza d’acquisto del consumatore, i dispositivi Mobile giocano un ruolo sempre più rilevante: gli acquisti online tramite Smartphone superano il valore di 1,7 miliardi di euro valgono il 10% dell’E-commerce nel 2015.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *