Presto pubblicità attraverso gli elettrodomestici: le rivelazioni di Google!

GoogleSecondo quanto rivelato dal gigante Google, presto ci ritroveremo bombardati dalla pubblicità anche attraverso gli elettrodomestici e le nostre macchine.

Il nostro futuro sarà presto come i film di fantascienza, che ci mostrano edifici costellati da slogan e promozioni, anche nella nostra vita privata di ogni giorno ci ritroveremo a fare i conti con apparecchiature domestiche che ci consigliano cosa fare e cosa comprare.

Google all’interno di un documento, inviato lo scorso dicembre alla Securities and Exchange Commission, ha affermato che la pubblicità invaderà completamente la nostra vita,comparendo addirittura su lavatrici, frigoriferi o sul cruscotto della nostra automobile. Tutto per fronteggiare la crescita esponenziale del mercato mobile e dell’adv online (in-app adv, Google AdWords, AdSense, etc.), che genera un suo fatturato economico mondiale.

Secondo Google molto presto lavatrici, frigoriferi, automobili, orologi, perfino occhiali e lenti a contatto avranno al loro interno un sistema operativo che li metterà in collegamento con un dispositivo mobile (smartphone o tablet) e potranno essere comandati a distanza tramite un’interfaccia intuitiva e ricca di funzionalità. Questo è già una realtà per alcuni sistemi lanciati da Samsung come Smart WiFi o Home Chat lanciato da Lg, che diventaranno ora bersaglio anche del settore pubblicitario. Sarà possibile scaricare un’applicazione per ottimizzare il frigorifero e gli sponsor, sicuramente interattivi, sfrutteranno l’applicazione stessa per consigliarci come supportare il suo sviluppo e le funzionalità più avanzate.

Il colosso Google ha precisato che “è sempre più difficile definire cosa sia esattamente una piattaforma mobile” e che in un futuro non troppo lontano “gli utenti utilizzeranno i nostri servizi e visualizzeranno le nostre pubblicità su una vasta gamma di dispositivi”.

Tutto questo diventerà presto realtà, grazie agli accordi stretti da Google con importanti aziende come Honda, Nest Labs, Hyundai, General Motors, Google Glass. Quello di Big G vuole essere un avvertimento, un volerci avvisare che tutti gli strumenti interattivi, a cui il colosso stesso sta studiando, serviranno anche per assillarci con la pubblicità ogni giorno… Avvertimento o minaccia???

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *