Se anche il frigorifero è attaccato dagli hacker…

internet delle cose e attacchi hackerProofpoint lancia l’allarme, sembrerebbe che i nuovi elettrodomestici “smart” siano il nuovo bersaglio degli hacker.

Abbiamo trattato spesso l’argomento dell’internet delle cose, ovvero la possibilità di comunicare e interagire con gli oggetti che, grazie alla tecnologia implementata al loro interno e grazie alla rete, acquisiscono “intelligenza artificiale” comunicando dati e informazioni su se stessi e a loro volta memorizzando informazioni, dati e abitudini degli utenti.

Le potenzialità dell’internet delle cose sono infinite e nel campo domotico con l’arrivo degli “elettrodomestici smart” sta prendendo sempre più piede, ma qual è il risvolto negativo della medaglia? La possibilità che gli elettrodomestici vengano presi di mira dagli hacker per accedere alle informazioni e ai dati personali dell’utente.

A denunciarlo è Proofpoint, un’azienda che si occupa di informatica, che ha affermato che oggi gran parte degli attacchi da parte di hacker arrivano non solo attraverso i computer, ma anche attraverso elettrodomestici come frigoriferi e televisori.

Secondo i dati raccolti da Proofpoint, circa il 25% delle e-mail spam non arriva da smartphone, tablet o pc, bensì da elettrodomestici di uso comune, in molti casi utilizzando  la password fornita al momento del collegamento del router per la connessione.

In particolare, i ricercatori hanno osservato una serie di campagne di cyber-attack:

  • dal 23 dicembre 2013 al 6 gennaio scorso
  • tre campagne e-mail al giorno, circa 100k per campagna
  • più di 450K indirizzi IP univoci; oltre 100k da dispositivi dell’internet delle cose.
Da un esame più attento è emerso che c’è stata una significativa percentuale di attacchi hacker provenienti da fonti non tradizionali, come televisori e frigoriferi.
Per combattere questi attacchi Proofpoint sta proponendo una soluzione integrata e mirata per il monitoraggio e l’identificazione dei messaggi sospetti, utilizzando tecniche di analisi dei dati e un’architettura Cloud. Altri aspetti chiave della soluzione includono Generation, l’analisi del malware (sandboxing e più), Predictive Difesa per verificare le minacce ancor prima che gli utenti facciano clic, Follow Me, la protezione per la sicurezza on e offline, Insight che mostra agli utenti clic e molto altro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *